La diocesi di Ischia promuove il turismo religioso e culturale

La diocesi di Ischia promuove il turismo religioso e culturale

Si Ŕ svolto sabato pomeriggio il primo incontro del corso di animatore diocesano del turismo religioso e culturale promosso dalla Diocesi di Ischia. Il corso avrÓ durata di due anni e vedrÓ l'alternarsi di lezioni e laboratori tenuti da esperti di alto profilo provenienti da diverse parti d'Italia che avranno come oggetto le temstiche fondamentali del turismo culturale e religioso. Pi¨ di cento gli uditori di questa prima sessione il cui relatore Ŕ stato Andrea Babbi, direttore generale dell'agenzia nazionale del turismo. "Il turismo culturale guarda alla storia, alla cultura e all'identitÓ - ha dichiarato Don Emanuel Monte, responsabile pastorale per il turismo, lo sport e il tempo libero - della vita di un popolo. La fede Ŕ radicata nella nostra identitÓ culturale ma a Ischia c'Ŕ molto turismo balneare e termale mentre pochi praticano il turismo culturale. La chiesa ha potenziale inespresso e con questo corso vuole sviluppare la pastorale del turismo dato che sono tante le persone che vengono a visitare chiese e musei senza per˛ che ci sia qualcuno che spieghi loro cosa hanno di fronte". Entusiasta il Vescovo di Ischia Pietro Lagnese che, prima sentendosi ospite dell'isola e poi punto di riferimento per l'intera comunitÓ, ha dichiarato che la chiesa non pu˛ essere estranea al consistente flusso di persone che ospita ogni anno "dinanzi ad 1 milione 900 mila visitatori c'Ŕ il desiderio di aprire le porte e uscire incontro alle persone che vengono. Bisogna aprire le nostre chiese e far si che sia la storia a parlare, utilizzando la bellezza come via per trasmettere la fede". Fonte - Il Golfo Guarda la fotogallery dell'evento